ColonneSonore.Net Forum

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto, Ospite
Nome Utente Password: Ricordami

Profilo di luke905

  • Offline
  • Rank: Orchestrator
  • Data di Registrazione: 28/04/2011
  • Data ultima visita: Oggi
  • Time Zone: GMT +1:00
  • Ora locale: 22:52
  • Messaggi: 693
  • Vista profilo: 838
  • Località: Roma
  • Sesso: Uomo
  • Data di nascita: 18/05/1990

Firma

Posts

Posts

emo
A me è uscito Herrmann!
What famous film com ...
emo
Sabato 12 aprile l'emittente RTÉ Lyric FM manderà in onda un'intervista di Aedín Gormley a Howard Shore.
La Gormley ha twittato che Shore le ha detto che sta iniziando a lavorare alla terza ed ultima partitura de Lo Hobbit.
Chissà se durante l'intervista di sabato Shore dirà qualcosa riguardo il suo nuovo lavoro.

twitter.com/lyricmoviemusic/status/453854650677329920
The Hobbit - There a ...
emo
Video dal web
emo
Dean DeBlois (regista e sceneggiatore della pellicola) ha pubblicato sul suo profilo Facebook una foto dalle recording sessions:



We spent the day in Hampstead, London, with our composer, John Powell, and 85 of the finest strings and winds musicians in the world, as they recorded sweeping new music for our Dragon 2 score. We'll be here for nine days, between Abbey Road and Air Studios. It's a pretty magical part of the process, and a sign that we really are close to completing this film
How to Train Your Dr ...
emo
Maurizio ha scritto:
OMG! L'ultima vera rarità della filmografia di Williams è finalmente apparsa su YouTube: STORIA DI UNA DONNA, film italo-americano del 1970 con musiche (molto belle!) di JW.



Sono anni che sento parlare di questa gemma perduta ed ora eccola finalmente!
Ho visto primi minuti e le musiche di Williams sono assolutamente splendide: sarebbe gesto gradito se qualche etichetta discografica riuscisse a produrre un'edizione definitiva di questa partitura.
Video dal web
emo
Maurizio ha scritto:
Che poi, a ben guardare, bisogna mettersi d'accordo su cosa intendiamo per mickeymousing, nel senso che il termine si può prestare a diverse sfumature e assumere differenti connotati. In molti casi è usato in termini dispregiativi, come a voler rimarcare l'incapacità o l'ingenuità del compositore che non trova di meglio che "sottolineare" quello che accade sullo schermo. Ma la precisa sincronizzazione tra partitura e immagini (e montaggio) non si può soltanto ridurre agli esempi da cartoon stile Tom & Jerry. Prendendo sempre Williams come riferimento, possiamo notare come in realtà la sua musica stringa un patto di sincronizzazione molto stretto e intimo anche nel caso di film drammatici. Ad es. ci sono alcuni momenti di SCHINDLER'S LIST dove l'accompagnamento musicale è ricco di sincronizzazioni (la scena delle docce ad Auschwitz, ad esempio). Che poi non si tratti affatto di musica da cartoon, mi pare evidente, così come lo è il potere espressivo intrinseco della composizione.


Sì, assolutamente (e guarda caso nella mia tesi presi in esame per Schindler's List proprio la scena delle docce).

Comunque Desplat sono sicuro non si riferisse al mickeymousing in senso stretto (altrimenti lo avrebbe citato direttamente dato che ormai è un termine di uso comune in ambito musicale), ma a quei commenti sonori ormai imperanti ad Hollywood che non fanno altro che creare semplicemente un superficiale doppio musicale di ciò che accade su schermo.
Philomena (Alexandre ...
emo
Maurizio ha scritto:
Sono d'accordissimo Antonio. E' indubbiamente una forma benvenuta di democratizzazione delle possibilità per artisti e creativi. In questo caso specifico, la cosa che stupisce è che si tratta di una cifra relativamente piccola e fa riflettere che al giorno d'oggi un'etichetta discografica (seppur specializzata e indipendente) non possa/non voglia tirar fuori 16.000 dollari per finanziare un progetto come questo, vista anche l'altisonanza dei nomi coinvolti.


Sì, anche io sono rimasto sbalordito della cifra richiesta e del fatto che nonostante si tratti praticamente dei compositori più quotati al momento attuale (parlo soprattutto di Williams, Giacchino e Desplat) si sia dovuto ricorrere a finanziamenti "esterni" perché il progetto andasse in porto.
"Conversations" per ...
emo
Effettivametne il caso di Navarrete mi è balenato subito alla mente, ma in passato Ratner ha dimostrato di avere un gusto musicale non banale, lavorando con compositori come Schifrin, Elfman e Powell. Spero solo che la casa di produzione non ci si metta di mezzo e che non venga annunciato l'ennesimo caso di "rejected composer".
Hercules (Brett Ratn ...
emo
Sì, questo purtroppo è vero Maurizio.
Però rimango sempre più colpito di come, di fronte a queste problematiche, le nuove piattaforme di crowdfunding riescano spesso a trovare soluzioni che danno grande libertà creativa agli artisti che ne fanno uso. In questo senso internet ha rappresentato un vero e proprio cambiamento epocale nella vendita delle idee.
"Conversations" per ...
emo
L'approccio dipende da film a film, ed opere come Harry Potter, Indiana Jones o Star Wars necessitano di un approccio musicale diverso rispetto a pellicole più piccole e intime come ad esempio il recente The Book Thief.
Ovviamente questa è un'ulteriore generalizzazione, perché soprattutto l'opera starwarsiana è così ampia da abbracciare una miriade di approcci al commento cinemusicale, però per sintetizzare il mio discorso applicherò in maniera un po' arbitraria alcuni termini.

Come dice Desplat tutto dipende dal tipo di storia narrata dal film e ci sono pellicole con trame molto chiare e dirette che non necessitano di un approccio musicale eccessivamente intellettualizzato: nelle saghe che ho citato prima, tutto ciò che viene narrato è chiarissimo e non presta fianco ad interpretazioni (il bene ed il male è sempre ben distinto e distanziato ad esempio). Di conseguenza la musica segue con altrettanta chiarezza quello che la storia narra.

Poi ci sono pellicole che mettono il compositore davanti ad altri tipi di sfide, chiedendo di essere maggiormente interpretate ed approfondite. Ed in questo senso Williams ha creato moltissime partiture che vanno in questa direzione, ben più del 30% della sua produzione.
Enry, in questo senso non so se hai ancora la mia tesi di laurea che ti inviai, ma lì ci sono diversi esempi di come Williams riesca con assoluta maestria a musicare il non detto di alcune pellicole a cui presta servizio. Purtroppo al momento il mio PC è in assistenza, ma appena riuscirò a riaverlo mi piacerebbe postare quelle analisi anche qui sul forum.
Philomena (Alexandre ...
emo
La pianista Gloria Cheng ha avviato una campagna di raccolta fondi su Kickstarter per la realizzazione di un CD e di un documentario dedicati alla composizione pianistiche realizzate per lei da Williams (Conversations), Giacchino (Composition 430), Davis (Surface Tensions), Broughton (Five Pieces for Piano), Newman (Family Album) e Desplat!

La campagna va alla grande (mancano 24 giorni e la cifra goal è stata quasi raggiunta) ed il tutto dovrebbe concretizzarsi nel 2015 grazie all'etichetta Harmonia Mundi.
"Conversations" per ...
emo
Benvenuto Daniele!
Mi presento..
Categoria: Benvenuto!
emo
Enry ha scritto:
Leggevo questa intervista e mi ha colpito questo passaggio:

"When you’re shooting with a camera held on the shoulder, couldn’t have a full orchestra, what did they do," he ponders. "Just what I said: Picture does not decide what the music will be, story decides what the music will be. I see in movies in America, and sometimes also in music, where the music is just mimicking what you see on screen. And that’s something the Nouvelle Vague would not allow."

AD


Non vi pare che ciò vada anche contro ciò che John Williams ha fatto in moltissimi dei suoi film? Eppure Desplat dice di adorare JW.


In verità mi sembra che sia perfettamente in accordo con l'approccio musicale di Williams.
Credo che Desplat si riferisse a musiche che semplicemente raddoppiano quello che si vede su schermo senza aggiungere altro.

Una delle cose in cui Williams è maestro è proprio quella di riuscire a dare voce musicale all'anima delle pellicole a cui lavora, non limitandosi a un mero commento di superficie. Poi ovviamente ci sono pellicole e pellicole, ognuna delle quali richiede approcci diversi, ma l'abilità di musical storyteller di Williams sta anche nel musicare ciò che sullo schermo non si vede.
Philomena (Alexandre ...
emo
Maurizio ha scritto:
luke905 ha scritto:
Qui devo ammettere la mia ignoranza: quest'edizione Intrada sarà per me l'occasione di scoprire per la prima volta questo lavoro di Broughton di cui sento tessere le lodi da fin troppo tempo.


Se ti piace lo stile sinfonico-giubilante tipico di molta film music degli anni '80, troverai pane per i tuoi denti Vedrai che ti conquisterà subito! Un piccolo assaggio:



Bhe, che dire...

Non mi resta che fiondarmi su questa edizione non appena sarà possibile!
In arrivo da INTRADA ...
emo
FilmMusicReporter annuncia che sarà Fernando Velazquez a musicare Hercules, nuovo kolossal epico firmato da Brett Ratner.
Visto il tipo di musica che contraddistingue da ormai diversi anni questo genere di prodotti, la scelta di Velazquez suono come una ventata d'aria fresca e si spera che il compositore sia lasciato libero di esprimere il suo già dimostrato talento.

Hercules (Brett Ratn ...
emo
E' disponibile ormai da qualche tempo la colonna sonora composta da Danny Elfman per l'ultima produzione della DreamWorks Animation, Mr. Peabody & Sherman.
Musica sempre piacevole, grintosa e orchestrata con gusto quella di Elfman, qui baciata anche da una certa ispirazione da quanto sto sentendo, ma non voglio lanciarmi in giudizi prematuri.
Di sicuro vi consiglio di concederle un ascolto.

E tra parentesi, giusto per curiosità, c'è un tema il cui inizio mi ha ricordato da vicino il tema di Paris da Tomorrow Never Dies di David Arnold e subito la lacrimuccia nostalgica mi è scesa dagli occhi.



1. Mr. Peabody’s Prologue
2. Reign Of Terror!
3. The Drop Off
4. The Dog Whistle
5. The Cherry Tree
6. A Deep Regard
7. Beautiful Boy (Darling Boy) – John Lennon
8. Dinner Party
9. The Petersons / The Wabac Machine
10. Aquarela Do Brasil
11. Off To Egypt
12. The Wedding Exodus
13. Hammer-Time
14. The Flying Machine
15. Trojan Horse
16. War / Disaster
17. History Mash-Up
18. I’m A Dog Too
19. Fixing The Rip
20. Back To School
21. Aquarela Do Brasil (Coda)
22. The Amazing Mr. Peabody
23. Way Back When – Grizfolk

Clip
Mr. Peabody & Sherma ...
emo
Qui devo ammettere la mia ignoranza: quest'edizione Intrada sarà per me l'occasione di scoprire per la prima volta questo lavoro di Broughton di cui sento tessere le lodi da fin troppo tempo.
In arrivo da INTRADA ...
emo
Mattia ha scritto:

Sinteticamente l'ho trovata molto sconessa dalla partitura del capitolo precedente dal punto di vista tematico (mi riferisco a Misty Mountains sopratutto, ma anche al tema di Bilbo e altri).


Non dimentichiamo comunque che per due temi mancanti, ce ne sono altri quindici di ritorno che creano una fortissima connessione tematica e di sviluppo del discorso musicale tra le due opere.
Ovviamente è vero che praticamente mancano due dei temi principali della prima colonna sonora ma, nonostante tutti i problemi che ha attraversato Shore con queste partiture, la forza di voler continuare il discorso musicale come era stato inizialmente concepito è ammirabile da parte del compositore, soprattutto pensando all'utilizzo nelle due partiture del tema della Casata di Durin, che molto probabilmente diventerà il vero tema portante di tutta la storia musicale de Lo Hobbit una volta uscita la terza partitura.

Per quanto riguarda Bilbo a dar continuità alla sua avventura musicale tornano due dei suoi temi dal precedente score ovvero il Bilbo's Adventure Theme ed il Bilbo's Fussy Theme: la loro presenza è sì limitata, ma ciò è anche dovuta al fatto che lo hobbit si muove in ambienti pericolosi e stranianti, ben lontani da casa sua.
Lo Hobbit - La Desol ...
emo
Faleel sta continuando a postare altri inediti rispetto alla soundtrack e, tralasciando alcune cose che sfociano più nell'ossessione da completisti, una parte realmente interessante è il momento che commenta l'entrata di Gandalf a Dol Guldur dove è possibile sentire una splendida versione eroica del tema del mago (tra parentesi uno dei miei preferiti di questa nuova trilogia) con in sottofondo il tema del Negromante a preannunciare il pericolo a cui Gandalf sta andando in contro.

Potete sentire il tutto ad 1:05 del video presente in questo link: docs.google.com/file/d/0BxQSwI5aPja9bVhJdnVQLXB2azQ/edit?pli=1
Lo Hobbit - La Desol ...
emo
Mattia ha scritto:
luke905 ha scritto:
soprattutto ci volevano sette persone per (ri)tirar fuori questa roba?

Solo sette!? E l'incredibile stuolo di additional composer, orchestratori, leccapiedi e più chi ne ha ne metta dove lo lasciamo?


Quelli erano sottointesi!
Ma dato che questa volta ci sono ben sette autori accreditati ufficialmente sulla cover del disco, ho voluto prendere di mira loro.
The Amazing Spider-M ...
emo
Buttandola sul personale la mia "vita da collezionista" consiste nell'acquistare a fine anno le opere che maggiormente mi hanno impressionato e catturato, facendo una cernita ben precisa.
Dischi arrivati li masterizzo sul PC, leggo con attenzione i booklet e poi li depongo sullo scaffale, usufruendo unicamente della copia digitale presa dal CD.
E' rarissimo che riprenda in mano i dischi per ascoltarli anche perché per la maggior parte ascolto musica mentre sono in "movimento" e sempre meno spesso ho tempo di farlo a casa.

Per me l'acquisto di un disco è il punto di arrivo dell'esperienza che ho avuto con una determinata musica, una sorta di "premio" che (anche e soprattutto per motivi economici) relego alle opere che mi stanno più a cuore e che in qualche modo mi hanno accompagnato in determinati momenti della mia vita: è una specie di celebrazione che probabilmente per me è ancora tale proprio grazie al fatto che limito i miei acquisti.

Poi ovviamente usufruisco regolarmente del supporto digitale (possibilmente lossless perché anche con un MP3 a 320kbps si sentono le differenze) ma nel mio caso l'acquisto fisico si riconduce tutto ad una sorta di rituale che non "sento" nei confronti dell'acquisto digitale.

Per quanto riguarda le riedizioni concordo con Kendall sulle case discografiche che ripropongono edizioni su edizioni alla fine dei conti quasi identiche: in questo caso è anche vero che danno la possibilità di acquistare determinate soundtrack anche a quelli che non erano stati in grado di acquistarne le prime edizioni, ma visti i lassi temporali sempre più stretti nelle quali vengono rilasciate queste edizioni, forse le case discografiche dovrebbero iniziare a rivedere le loro politiche in merito.
La vita del collezio ...
emo
Maurizio ha scritto:
luke905 ha scritto:
Le scelte effettuate da Kubrick o Tarantino in fatto di musica nascono invece da una loro visione ben precisa e non da una logica di tipo produttivo/commerciale. Una vera e propria necessità artistica attraverso la quale esprimere in maniera compiuta quello che si intende mostrare, attuando spesso scelte coraggiose e quasi aliene se confrontate con quelle operate per prodotti nati sotto la logica produttiva che contraddistingue la maggior parte del cinema hollywoodiano di oggi.


E già che ci siamo, io farei comunque una distinzione tra il modus operandi di Kubrick da quello di Tarantino. Se il primo infatti ha sempre dimostrato di fare scelte musicali accurate e di profondo senso estetico e addirittura filosofico in accordo con l'opera cinematografica, Tarantino opera più per accumulo citazionista pescando dal suo sterminato ed eclettico archivio personale di musiche preferite. A partire da BASTARDI SENZA GLORIA il gioco si è fatto un po' troppo scoperto, al punto da diventare - come nel caso di DJANGO - anche esageratamente compiaciuto (vedi il finale con Django che balla col cavallo sulle note di TRINITA').


Sì, sì, ovviamente stavo generalizzando. Si tratta di due autori diversissimi, con approcci musicali altrettanto diversi.
E concordo anche sul fatto che Tarantino in alcuni casi si sia lasciato prendere un po' la mano, ma quando mi sento pezzi come Nicaragua contrappuntare con tanta efficacia scene in cui il valore aggiunto della musica è un fattore determinante ed essenziale alla loro riuscita, a Tarantino qualche esagerazione gliela perdono.
Captain Phillips
emo
Il solito Faleel del JWFan Forum ha editato una versione completa (o quasi) della portentosa The Forest River che potete trovare entrando in questo link: www.jwfan.com/forums/index.php?showtopic=23304&p=991149
Lo Hobbit - La Desol ...
emo
Non ho ancora avuto modo di ascoltarla tutta, ma mi sembra che Silvestri sia qui in assoluta forma, capace di tornare alle musica e alle atmosfere che me lo hanno fatto amare: c'è una gioia musicale che Silvestri aveva già dimostrato di non aver perso con The Croods, virata qui su lidi più fantascientifici che non potranno che far scendere una lacrimuccia di gioia agli appassionati.
Cosmos: A Spacetime ...
emo
Enry ha scritto:
luke905 ha scritto:
...possibile che ci scappi un nuovo Pacific Rim.

Questa volta però c'è un compositore.


Sicuramente il lavoro di Desplat sarà ben superiore a quello di Djawadi (pur dovendo ammettere che non ho disprezzato lo score di Pacific Rim).
GODZILLA - Alexandre ...
emo
In realtà la cosa girava già da un po', ma è stato ufficializzato solo ora che sarà Brian Tyler a comporre lo score per The Avengers - Age of Ultron, sua terza collaborazione cinematografica con i Marvel Studios dopo Iron Man 3 e Thor - The Dark World.

Fonte
The Avengers - Age o ...
emo
Per chi fosse interessato è stato annunciato il secondo volume.

Tracklist e clip:

1. S.O.T.I. (1:31)
2. You and Me and Your Dog (2:28)
3. Interspecies Partnership (2:25)
4. Artificial Selection (3:10)
5. Living in an Ice Age (1:10)
6. Genetic Alphabet (2:44)
7. Natural Selection (3:06)
8. Family Tree (3:50)
9. The Eye (3:55)
10. Theory of Evolution (2:53)
11. The Permian Period (5:12)
12. Tartigrades (1:54)
13. Titan (2:59)
14. The Story of My Life (3:11)
15. 4 Billion Years of Evolution (1:05)

www.amazon.com/Cosmos-SpaceTime-Odyssey-...ds=cosmos+soundtrack
Cosmos: A Spacetime ...
emo
Chiedo ai moderatori.
Si potrebbero unire il topic a quello creato in precedenza sullo stesso argomento? colonnesonore.net/forum/forum/cinema-e-m...la-alexandre-desplat

Tornando al film e alla musica, nutro grandi attese per entrambi.
I trailer mostrati finora promettono molto bene ed Edwards pare non essere il solito mestierante che confeziona prodotti senz'anima e cuore: possibile che ci scappi un nuovo Pacific Rim.
GODZILLA - Alexandre ...
emo
Oh che bello!!!
Mi era mancato Powell!
John Powell - Rio 2
emo
Da quanto ho potuto ascoltare nelle clip mi pare un lavoro più divertente e udibile di altri recenti di Zimmer, con addirittura dei fiati e delle scelte orchestrali per certi versi inusuali per il compositore tedesco: il main theme non è male ed anche a me ha ricordato le sigle di Star Trek.
Però siamo sempre lì: c'è dentro di tutto, da Frost/Nixon a Crysis 2 e soprattutto ci volevano sette persone per (ri)tirar fuori questa roba?
The Amazing Spider-M ...
emo
Enry ha scritto:
Io non voglio difendere nessuno, anzi, son d'accordissimo con quanto scrive Francesco e sarò sempre un difensore del concetto di "musica scritta per una determinata destinazione", però la critica la possiamo muovere allo stesso modo per gente come Tarantino che utilizza Morricone o Herrmann, o anche Kubrick che usufruisce del repertorio Classico. Perchè a loro lo consentite?


Su questo sai come la penso Enry, ma rispondo anche qui così da alimentare la discussione e dire la mia.

Per me si tratta di due territori opposti.

Il caso di Captain Phillips è simbolo di un approccio al commento musicale cinematografico che ragiona in un'ottica commerciale che tende all'omologazione e alla riproposizione di stilemi consolidati e di sicuro risultato e presa sul pubblico. È un qualcosa frutto di una logica produttiva che sta al di sopra della visione che nasce dal regista o dal compositore e che in qualche modo le limita entrambe, eliminando qualsiasi possibile innovazione o sperimentazione.

Le scelte effettuate da Kubrick o Tarantino in fatto di musica nascono invece da una loro visione ben precisa e non da una logica di tipo produttivo/commerciale. Una vera e propria necessità artistica attraverso la quale esprimere in maniera compiuta quello che si intende mostrare, attuando spesso scelte coraggiose e quasi aliene se confrontate con quelle operate per prodotti nati sotto la logica produttiva che contraddistingue la maggior parte del cinema hollywoodiano di oggi.
Captain Phillips
emo
Bruno ha scritto:
Figurati Antonio è stato un piacere !!!!!


La nostra Passione, ...
emo
Wow!!!
Conoscevo questo cofanettone, ma al momento dell'acquisto della serie ho ripiegato sul cofanetto liscio dall'UK che ha tutt'ora un prezzo molto competitivo.
Certo però che quello che sei riuscito a prendere tu è proprio bello!
La nostra Passione, ...
emo
E visto che ci sono posto qualche foto della "roba" che ho a casa in Calabria che ha a che fare con la musica:









Notare che l'autografo di Giacchino e della Datzman mi è stato fatto sotto gentilissima concessione di Bruno che non smetterò mai di ringraziare!
La nostra Passione, ...
emo
Maurizio ha scritto:
Un estratto dalla Suite da concerto che JW ha diretto in occasione dell'Oscar Concert tenutosi a Los Angeles giovedì scorso:



Meraviglia.


Appena sentita per intero.
Semplicemente splendida e ci sono alcuni cambiamenti e aggiunte rispetto alla soundtrack che mi fanno desiderare che un giorno questa suite possa essere registrata in studio per poterne godere come si deve.
Nuova colonna sonora ...
emo
Sì, Lorenzo è musica splendida che parla direttamente al cuore.
Qui ho stilato una mia classifica sulle mie colonne sonore preferite del 2013 e ne parlo un po' più approfonditamente.
La nostra Passione, ...
emo
Enry ha scritto:

Caro Antonio, ancora non mi batti. Quando comprerai le Complete Recordings?


Quando avrò uno stipendio fisso o quando i soldi inizieranno a crescere sugli alberi.
Sulla seconda non punterei troppo, quindi devo aspettare la prima!

Scherzo! Attendo di fare il colpaccio su eBay ad un prezzo ragionevole.


Nel frattempo la mia collezione cresce anche se lentamente: praticamente ormai compro solo i titoli che a fine anno entrano nella mia personale Top 5 più ovviamente ristampe imprescindibili.

Ad esempio i miei ultimi arrivi sono le due opere che ho più amato l'anno scorso:

La nostra Passione, ...
emo
Alessio ha scritto:
Visto a Venezia, film molto particolare e disturbante, ma questo trailer è decisamente ingannatore, anche se un'inequivocabile impronta thriller (sottolineata dalla belle musiche herrmanniane di Yared) c'è, soprattutto nella parte finale. Questo Dolan (regista e protagonista del film) è un ragazzino poco più che ventenne con già all'attivo 3 o 4 film da regista: da tenere decisamente d'occhio. Di suo ho visto anche LES AMOURS IMAGINAIRES: non male pure quello... c'è sempre un personalissimo tocco hitchcockiano nei suoi film.


Ora ricordo quando ne parlasti nei tuoi resoconti dal Festival di Venezia!
Di Dolan non ho praticamente visto nulla ma sono molto curioso in proposito.
Tom at the Farm (Gab ...
emo
È disponibile la colonna sonora composta da Alan Silvestri per la serie di documentari televisivi Cosmos: A Spacetime Odyssey: la serie si comporrà di 13 episodi ed il disco appena uscito dovrebbe essere il primo di quattro volumi previsti.

Su iTunes potete ascoltare le promettenti anteprime:
itunes.apple.com/us/album/cosmos-spaceti...ey-music/id833553177

Qui cover, tracklist e trailer della serie:



1. Cosmos Main Title (1:38)
2. “Come With Me” (2:02)
3. “The Cosmos Is Yours” (6:25)
4. Virgo Supercluster (4:06)
5. Multiverse (2:11)
6. Giordano Bruno (2:40)
7. Revelation of Immensity (3:59)
8. The Inquisition (3:36)
9. The Staggering Immensity of Time (2:14)
10. Star Stuff (4:14)
11. Chance Nature of Existence (3:28)
12. New Years Eve (3:50)
13. “Our Journey Is Just Beginning” (3:04)

Cosmos: A Spacetime ...
emo
Recupero questo topic per postare la mia Top 10 riguardo le colonne sonore del cinema fantascientifico (inteso in senso molto ampio, avendoci messo di mezzo anche film non prettamente appartenenti al genere).

01 - Star Wars - Episode V: The Empire Strikes Back (John Williams)
02 - Star Trek - The Motion Picture (Jerry Goldsmith)
03 - Close Encounters of the Third Kind (John Williams)
04 - E.T.: The Extra-Terrestrial (John Williams)
05 - Alien (Jerry Goldsmith)
06 - Planet of the Apes (Jerry Goldsmith)
07 - The Day The Earth Stood Still (Bernard Herrmann)
08 - Star Trek II - The Wrath of Khan (James Horner)
09 - Back to the Future (Alan Silvestri)
10 - Predator (Alan Silvestri)
Top Ten Science Fict ...
Vai
Tempo generazione pagina: 0.58 secondi